Bonet

Regione: Piemonte
Bonet
  • numero persone Dosi per:
    4 persone
  • tempo cottura Tempo Richiesto:
    120 min
  • portata Portata:
    Dessert
  • Difficoltā :

Tratto dal gerco piemontese che significa berretto da notte, il bonet è un dolce della cucina piemontese, precisamente delle langhe, più antichi.
Si trovano riferimenti, a questo dolce, in diversi documenti culinari, che trattano delle epoche del 200 - 300. 
Da questo nome "berretto" sono nati due significati: il primo attribuito alla forma di questo dolce, che ricorda un cappello, il secondo in quanto come il cappello, è l'ultimo indumento che viene indossato prima di uscire, il dolce è l'ultima portata prima di finire una cena.
La spiegazione più verosimile invece è data al nome dello stampo in cui questo dolce viene preparato: bonet 'd cusina (cappello di cucina).
Esistono due versioni del bonet: la più antica e meno conosciuta, è quella monferrina, che prevede, solo l'utilizzo di latte, uova zucchero, e amaretti, la seconda, quella attuale, nata con l'arrivo dal sud america, in piemonte del cacao e del rum (ingredienti in aggiunta ai precedenti).

Ingredienti

Preparazione:

Versate il latte in un pentolino e fatelo intiepidire. Montate le uova con 100 gr di zucchero fino a renderle spumose. Tritate finemente il cioccolato, scioglietelo a bagnomaria o nel microonde e sbriciolate gli amaretti. Uniteli alle uova, aggiungendo i 4 cucchiai di rum. Caramellate lo zucchero rimasto in un pentolino con qualche cucchiaio di acqua, fino a farlo diventare biondo, ma non bruciatelo. Versate il caramello in un stampo da budino rettangolare, oppure negli stampini individuali e fatelo scorrere sul fondo e sulle pareti per distribuirlo uniformemente. Versate il composto nello stampo e fatelo cuocere per circa 50-55' a bagnomaria, in forno già caldo a 170°.

Guarda anche:

  • Ricette regionali
  • Ricette etniche
  • Ricette Portate

Commenti

Nome:
Scrivi Qui Il Tuo Commento:
  • Titan Premium ha scritto:
    Il 19/08/2017 all 01:24
    L acqua del bagnomaria non deve mai bollire, poich si rischierebbe di ottenere un bonet troppo sodo e pieno di bolle d aria, invece che morbido e liscio.
  • angela ha scritto:
    Il 30/11/2011 all 14:41
    ottimo mi piace
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui