Le pesche ripiene di petronilla

Le pesche ripiene di petronilla
  • numero persone Dosi per:
    4 persone
  • tempo cottura Tempo Richiesto:
    30 min
  • portata Portata:
    Dessert
  • Difficoltā :
Ingredienti : vedi ricetta

Preparazione:

L'altro dė, per la mia festa, il mio caro maritino mi ha donato un forno, uno di quei piccoli forni trasportabili, cosė detti " di campagna " e che io desideravo tanto, perché quello ch'č annesso alla mia grande cucina a gas, rendeva poco e consumava assai. - "Vedrai (gli ho detto) quanti buoni piattini ti farō, ora che questo economico forno lo posseggo anch'io!" E subito ieri, appunto, io l'ho… "imprimato" cucinandovi le pesche ripiene, cioč uno di quei piatti alla vecchia, che faceva sempre almeno due volte all'anno la mia mamma, e che ella allora cucinava nel vasto nostro caminone provinciale, in una gran padella con brace sotto, e brace sul coperchio. Non le avete mai mangiate le pesche ripiene? Ebbene, fatele oggi stesso, perché sono proprio squisite. Le avete giā fatte e mangiate tante volte? Ebbene, rifatele, che ne vale sempre la pena. * * * Io ho comperato dieci pesche belle, grosse e mature; le ho aperte per metā; e ne ho tolti i noccioli e un po' della polpa che li circondava. Nel mortaio ho poi pestato mezz'etto di mandorle dolci (messe prima nell'acqua calda per toglierne pių facilmente la buccia scura), 4 delle 10 mandorle amare delle pesche, 3 amaretti e 3 biscotti savoiardi. Questo pesto (al quale ho aggiunto 2 cucchiai di zucchero) l'ho poi impastato con un torlo d'uovo e con quel po' di polpa succosa che avevo asportata dalle pesche. Ad ogni mezzo frutto ho poscia riempito il buco con quella pasta, e l'ho riempito senza economia, anzi in grande abbondanza, sė che la pasta sporgesse ben bene fuori da ciascun buco. Le pesche, cosė farcite, le ho infine disposte in una teglia nella quale avevo giā messo 2 cucchiaini di burro e 2 cucchiai di vino bianco; ho inzuccherato il tutto; ho collocata la teglia dentro al mio forno; ho messo questo sulla cucina a gas; ho acceso e… Dopo un'oretta, pian pianino ho sollevato il coperchio per dare un'occhiatina… Oh che gioia! Giā cotte erano le mie pesche ed il ripieno aveva giā la sua crosticina dorata e secca! * * * La conclusione fu che, dandomi un'occhiatina mentre gustava le mie pesche, il marito ha detto: - Se alla cucina mancasse qualch'altra coserella, parla, cara Petronilla mia, e senza attendere la prossima tua festa, cercherō di appagare il tuo nuovo desiderio!

Guarda anche:

  • Ricette regionali
  • Ricette etniche
  • Ricette Portate

Commenti

Nome:
Scrivi Qui Il Tuo Commento:
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui