A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Spongata

Categoria: Natale Regione: Emilia Romagna
Dosi per:
6 persone
Tempo Richiesto:
60 min
Portata:
Dessert
Difficoltà:

La Spongata, è un dolce della tradizione natalizia, dell'Emilia Romagna, dalle origini, molto antiche, se ne trova menzione nelle cronache reggiane del quattrocento e cinquecento, quando veniva offerta a ospiti illustri.
E' un dolce di frolla, che racchiude un ripieno a base di frutta secca, biscotti, spezie  e miele.
La leggenda, dice, che la spongata, fu creata in un convento di brescello. La madre badessa, colta alla sprovvista, da una visita inaspettata del vescovo, ordinò alla cuoca del convento, di preparare velocemente un dolce, utilizzando ingredienti già disponibili. Furono quindi utilizzati, ingredienti semplici (sempre disponibili) e ingredienti facilmente e lungamente conservabili (biscotti, spezie, miele e frutta secca), nacque così la Spongata.
Dolce, un tempo reperibile, solo nel periodo natalizio, oggigiorno, come altri dolci della tadizione, nelle zone d'origine, la spongata, è reperibile tutto l'anno.


Ingredienti per la base
» Farina
250 gr
» Burro
70 gr
130 gr
1 bicchiere
» Sale
1 pizzico
Ingredienti per il ripieno
» Miele
250 gr
50 gr
100 gr
50 gr
» Pinoli
50 gr
50 gr
100 gr
100 gr
1 bicchiere
1 pizzico
1 pizzico
» Cognac
1/2 bicchiere
q.b.
q.b.
Preparazione:

Tagliate a pezzetti i canditi e tritate i pinoli. Fate ammorbidire in acqua tiepida l'uvetta sultanina, quindi strizzatela. Sbriciolate i biscotti secchi. Versate il miele in una piccola casseruola, bagnatelo con il vino, portatela ad ebollizione, quindi abbassate al fiamma ed unite i biscotti secchi, le noci, le mandorle, le nocciole ed i pinoli. Insaporite il tutto con la noce moscata grattugiata e la cannella in polvere. Aggiungete alla preparazione il cognac, i canditi e l'uva sultanina. Amalgamate il composto, toglietelo dal fuoco e lasciatelo raffreddare. Versatelo in una terrina, ricopritelo con un foglio di carta di alluminio e lasciatelo riposare in un luogo fresco per almeno 24 ore (le ricette più antiche, parlano di un riposo, di diversi giorni, anche 15). Preparate la pasta: setacciate la farina a fontana sulla spianatoia. Mettete al centro il burro ammorbidito, lo zucchero, il vino ed il sale. Lavorate gli ingredienti ricavandone un'impasto piuttosto consistente, che lascerete riposare in luogo fresco per circa mezz'ora. Quindi dividete l'impasto i due parti, una più grande dell'altra. Con il matterello stendete i due pezzi di pasta in modo da ricavarne un disco grande e uno più piccolo. Imburrate ed infarinate la teglia. Foderatela con il disco più grande. Versate il ripieno, livellatelo con una spatola inumidita, ricopritelo con il secondo disco di pasta e saldatelo ai bordi pizzicandolo con le dita. Con uno stecchino bucherellate la superficie e spennellatela con dell'olio. Scaldate il forno a 190° e mettetevi a cuocere la preparazione per 30 m. Togliete il dolce dal forno, lasciatelo raffreddare completamente, mettetelo su un piatto di portata, spolverizzatelo con lo zucchero a velo e servitelo a tavola.


Vota
Vota la Ricetta
Guarda anche:
  • Ricette regionali
  • Ricette etniche
  • Ricette Portate
Commenti
Nome:
Scrivi Qui Il Tuo Commento:
imile ha scritto:
Il 13/12/2013 alle 20:03
L'ho fatta per la prima volta e il risultato è ottimo
giovanna ha scritto:
Il 16/11/2012 alle 15:51
Mi piace talmente tanto che la preparo in qualsiasi momento dell'anno, a casa nostra usiamo molto farla per i compleanni
Dì che ti piace Ricette Mania!