Capretto arrosto con salsa di menta di petronilla

Capretto arrosto con salsa di menta di petronilla
  • numero persone Dosi per:
    4 persone
  • tempo cottura Tempo Richiesto:
    30 min
  • portata Portata:
    Secondi
  • Difficoltà:
Ingredienti : vedi ricetta

Preparazione:

Primavera… Pasqua… Vera ecatombe di capretti ed agnellini; e quali arrosti appetitosi e profumati nelle cucine per le quali il borsellino permette certe spesine. Ma quanto sarebbero ancor più appetitosi e profumati, questi arrostini se, seguendo un certo saggio consiglio, il piatto venisse presentato in tavola cotto… in questo modo qua, e con accanto una salsiera colma di una certa salsetta fatta… in quel modo là. Cotto cioè… fatta cioè… alla maniera che la mia cara amica siciliana mi ha testé insegnata. Curiose e desiderose di bene figurare in fatto di varietà, vorreste anche voi, al par di me, seguire subito il consiglio dell'amica mia? * * * Comperate, allora, un bel pezzo di capretto; e possibilmente della parte posteriore, cioè della più polposa. Lardellatelo, bucandolo qua e là con il coltello e introducendo dentro ad ogni buchino un pezzetto di pancetta di lardo. Tritate fini fini, con la mezzaluna, un pizzico di prezzemolo e due cipolline novelle; unite una manciatina di pane trito; mescolate; e spargete questa mistura su tutta la superficie del capretto lardellato. Mettetelo in una teglia di rame; distribuite qua e là 5-6 pezzettini di burro, sale abbondante, pepe pochetto; e bagnate con un bicchiere di vino bianco. Infornate la teglia, per tre quarti d'ora circa, in forno ben caldo, o cucinate con brage sotto e brage sul coperchio. Mentre il capretto (preparato in questo modo qua) arrostirà spandendo il suo profumo delizioso, preparate quella tal salsetta in… quel tal modo là. Tritate, cioè, una manciata di foglie di menta (negli orti, nei giardini, sulle sponde dei ruscelli, le pianticelle, sì ricche di essenze, avranno ormai slargate le loro foglie dall'orlo seghettato). Mettete il trito nella salsiera; aggiungete il succo di 1 limone, 1 cucchiaino ben ricolmo di zucchero, 1/2 chicchera di aceto sopraffino, e 1/2 chicchera di acqua, mescolate; e lasciate là a riposare. * * * Servite l'arrosto, preferibilmente freddo; e mentre il marito vi farà i suoi sinceri complimenti per la novità che presentano arrosto e salsetta… concludete, dentro ai vostri cuori: " Veramente saggi sono sempre i consigli che la cara amica siciliana manda, dalle falde dell'Etna, alla nostra Petronilla! ".

Guarda anche:

  • Ricette regionali
  • Ricette etniche
  • Ricette Portate

Commenti

Nome:
Scrivi Qui Il Tuo Commento:
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui