Filetto alla panna di petronilla

Filetto alla panna di petronilla
  • numero persone Dosi per:
    4 persone
  • tempo cottura Tempo Richiesto:
    30 min
  • portata Portata:
    Secondi
  • Difficoltà:
Ingredienti : vedi ricetta

Preparazione:

Si hanno invitati? E si vorrebbe bene figurare? Manca però il tempo (e forse, confessiamolo, anche la voglia) di molto spignattare? In questo caso gran risorsa - quale piatto forte - potrà essere, per noi, un bel pezzo di filetto cotto con la panna. Un piatto, cioè, che riuscirà sempre squisito; che si presenterà sempre alla svelta; che non richiederà speciali abilità cucinarie; che si potrà cucinare sempre in mezz'ora circa, e preparare così: * * * Comperato il filetto (un pezzo del peso di poco più di 1 etto per persona) lo si leghi stretto con una cordicella (non colorata, attente!) in modo da ridurne a cilindro la forma che, di solito, è appiattita; lo si metta in casseruola di rame; lo si cosparga di sale; gli si aggiunga un pizzico di pepe; vi si versi sopra un goccio di panna - quella che si compera dai lattai; quella liquida, dolce e candida; quella che serve anche a far burro e lattemiele; quella, insomma, che nei caseifici si raduna alla superficie delle grandi mastelle nelle quali si versa il latte di mano in mano che viene munto. Con il forchettone si punga e ripunga il filetto (e ne sgorgherà, così, qualche stilla di sangue); si incoperchi la casseruola, e la si ponga a fuoco alto. Di lì a poco, altra trafittura, mentre si rivolterà il filetto; ed altra aggiunta di un goccio di panna; e quindi, altro stillar sangue dalla carne (sangue che, con quel calore e quella panna, varrà a formare un certo sughetto bruno e di saporino che… non vi dico!). Dopo qualche minuto, ancora si trafigga; ancora si aggiunga panna; ancora stillerà, così, sangue; finché… Finché dopo 20-30-35 minuti (a seconda della quantità) il filetto sarà ben cotto all'esterno; non troppo cotto all'interno; e circondato da abbondante sugo bruno nel quale, di panna bianca, non sarà più traccia! Così cotto; poi slegato; indi tagliato a fettine sottili (sopra l'asse e con un coltello di recente affilato); disposto per il lungo e nel mezzo del piatto di portata; cosparso di tutto il suo sugo; e accompagnato da una insalatiera colma di insalatina fresca e ben condita… * * * Non vi ho detto? Piatto svelto; piatto di gran scic; piatto che non richiede il diploma di cuoche perfette; piatto del quale, però, ognuno dirà: "Quanto è squisito!" e commenterà: "Quant'è delicato!" e chiederà: "Come lo hai ammannito?" e pregherà: "Vorrei conoscerne il procedimento!" e intorno al quale, alcuna persino commenterà: "Date le mie scarse abilità cucinarie, questo piatto, di certo molto complicato, non potrà venire allestito nella mia modestissima cucina!".

Guarda anche:

  • Ricette regionali
  • Ricette etniche
  • Ricette Portate

Commenti

Nome:
Scrivi Qui Il Tuo Commento:
Dì che ti piace Ricette Mania!
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più